•    Contabilità ordinaria.

Al regime di contabilità ordinaria appartengono sempre, a prescindere da ogni altra considerazione, le società di capitali (società per azioni, società a responsabilità limitata, società in accomandita per azioni, società cooperative). Le società di persone (società in accomandita semplice, società in nome collettivo) e le imprese individuali possono appartenere al regime ordinario o a quello semplificato a seconda dell'ammontare dei loro ricavi. Il regime ordinario si applica nei casi di società di persone e di imprese individuali che, nell'anno solare precedente hanno conseguito ricavi pari o superiori a:

  1. 400.000 euro per le imprese aventi per oggetto la prestazione di servizi;
  2. 700.000 euro per le imprese che hanno per oggetto attività diverse dalla prestazione di servizi.

I contribuenti in contabilità ordinaria hanno l’obbligo di tenere i seguenti registri:

  1. i registri IVA:
  2. il registro dei beni ammortizzabili;
  3. il libro giornale;
  4. il libro degli inventari;
  5. il libro mastro.

•    Contabilità semplificata.

Le imprese in contabilità semplificata devono tenere:

  1. i registri IVA:
  2. il registro dei beni ammortizzabili

Le imprese che presentano i requisiti per il regime semplificato possono comunque optare per il regime ordinario.
Per i liberi professionisti il regime naturale è considerato quello semplificato a prescindere dall'ammontare dei loro ricavi; sussiste comunque la possibilità di optare per il regime ordinario.
Il professionista in contabilità semplificata deve tenere:

  1. i registri IVA;
  2. il registro incassi e pagamenti.
•   Modelli INTRASTAT

•   Gestione F24 Telematici

 

 

Hai dimenticato le tue credenziali? Clicca qui
Powered by Passepartout